gruppo raponi laboratori

+39 0655389300 / 06 65746920
laboratorio@raponigruppo.it
Dimensione del testo:
Small Medium Large

PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

ALTDescription

prevenzione tumore seno

Il tumore al seno colpisce 1 donna su 8 nell'arco della vita. È il tumore più frequente nel sesso femminile e rappresenta il 29 per cento di tutti i tumori che colpiscono le donne. È la prima causa di mortalità per tumore nel sesso femminile, con un tasso di mortalità del 16 per cento di tutti i decessi per causa oncologica. È possibile ridurre il proprio rischio di ammalarsi con un comportamento attento e con pochi esami di controllo elencati più sotto. È bene fare esercizio fisico e alimentarsi con pochi grassi e molti vegetali (frutta e verdura, in particolare broccoli e cavoli, cipolle, tè verde e pomodori). Anche allattare i figli aiuta a combattere il tumore del seno, perché l'allattamento consente alla cellula del seno di completare la sua maturazione e quindi di essere più resistente a eventuali trasformazioni neoplastiche. La mammografia è il metodo attualmente più efficace per la diagnosi precoce e le piu' seguite linee guida internazionali suggeriscono una mammografia ogni 2 anni, dai 50 ai 69 anni di età, ma la cadenza può variare a seconda delle considerazioni del medico sulla storia personale di ogni donna. Nelle donne che hanno avuto una madre o una sorella malata in genere si comincia prima, verso i 40-45 anni. L'ecografia è un esame integrativo molto utile soprattutto per esaminare il seno giovane e si consiglia di farvi immediato ricorso in caso di comparsa di noduli. La scelta di quale dei due esami utilizzare dipende in parte dall'età, anche se nella maggior parte dei casi si utilizzano entrambi. La visita: è buona abitudine fare una visita del seno presso la ginecologa almeno una volta l'anno, indipendentemente dall'età. L'autopalpazione: è una tecnica che consente alla donna di individuare precocemente eventuali trasformazioni del proprio seno. La sua efficacia in termini di screening è però molto bassa: questo significa che costituisce un di più rispetto alla sola visita e alla mammografia a partire dall'età consigliata, ma non può sostituirle